venerdì 9 giugno 2017

USB: cancellare la controriforma Fornero delle pensioni per liberare buona occupazione


Si svolgerà a Tivoli  da venerdì 9 a domenica 11 giugno con lo slogan “Riprendiamoci tutto” il secondo congresso nazionale dell’Unione Sindacale di Base.

Dalla Piattaforma programmatica USB VOGLIO LAVORO E STATO SOCIALE in allegato al documento congressuale:

Serve rimettere in campo buona occupazione. Per questo proponiamo:

• abolizione della legge 30 e di tutta la normativa che ha distrutto la legislazione del lavoro, da ultimo il Jobs Act e tutte le forme di lavoro precario;
 • unico contratto di riferimento per il lavoro dipendente a tempo indeterminato con applicazione dell’art.18 così come previsto prima dei provvedimenti Fornero e del jobs-act;
 • reintroduzione del collocamento obbligatorio;
• norme di garanzia per i lavoratori degli appalti, per il mantenimento – nel cambio di appalto – del posto di lavoro, dell’anzianità di servizio e dell’applicazione del contratto di settore (cd “clausola sociale);
• vere misure per la sicurezza sul lavoro.

 Questo è possibile anche “liberando occupazione”. Per questo proponiamo:

• cancellazione della controriforma Fornero delle pensioni;
• rivalutazione piena delle pensioni in essere;
• abolizione delle norme legate all’aspettativa di vita e del sistema di calcolo contributivo;
• pensione di anzianità con quota 96 (minimo 60 anni di età) o con 40 anni di contributi indipendentemente dall’età e pensione di vecchiaia a 60 anni per le donne e a 65 anni per gli uomini;
• ricongiunzione dei contributi non onerosa;
• pensioni minime a € 800,00 netti mensili.

 Per finanziare ed attuare le proposte contenute nella Piattaforma programmatica della USB si può attingere al recupero dell’evasione ed elusione fiscale e contributiva e alla repressione della corruzione, vere piaghe sociali che sottraggono al bilancio pubblico almeno 350 miliardi all’anno, attuando una lotta senza quartiere al lavoro nero, a imprenditori senza scrupoli e ai corrotti della pubblica amministrazione, alla riduzione delle spese militari…

Nessun commento: