venerdì 9 giugno 2017

ABOLIRE L'APPLICAZIONE DELLA SPERANZA DI VITA AI REQUISITI PENSIONISTICI!



Il meccanismo assurdo stabilito per legge dal governo Berlusconi viene utilizzato per aumentare i requisiti pensionistici all'infinito (vedi post La pensione e la speranza di vita) mentre "l'aggiornamento non viene effettuato nel caso di diminuzione della predetta speranza di vita".

I dati statistici ultimamente hanno dimostrato una inversione di tendenza sull’aspettativa di vita:

Recentemente il Rapporto della Cattolica “Osservasalute”  (Rapporto della Cattolica “Osservasalute”. Per la prima volta cala ...) ha dimostrato che per la prima volta l’aspettativa di vita in Italia cala.

A questi dati si era aggiunta anche  la seguente notizia:
In totale 5,5milioni di persone infettate nella stagione 2016-17
(ANSA)

Al di la di questi dati negativi il problema rimane comunque non solo di bloccare eventuali ulteriori allungamenti dei requisiti pensionistici ma quello di abolire del tutto tale meccanismo. 

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Se non ricordo male peró prima della legge Fornero chi compiva 40 di contributi da lavoro poteva andare in pensione da subito. Almeno per la pensione di anzianità non c'era alcun ulteriore allungamento per speranza di vita. Adesso é peggio! La legge Fornero andrebbe abolita senza se e senza ma o almeno eliminato l'allungamento per speranza di vta che mi sembra sia scritto nella legge stessa.
Anton.

Anonimo ha detto...

Se non ricordo male peró prima della legge Fornero chi compiva 40 di contributi da lavoro poteva andare in pensione da subito. Almeno per la pensione di anzianità non c'era alcun ulteriore allungamento per speranza di vita. Adesso é peggio! La legge Fornero andrebbe abolita senza se e senza ma o almeno eliminato l'allungamento per speranza di vta che mi sembra sia scritto nella legge stessa.
Anton.