mercoledì 21 dicembre 2016

Pensione con deroga ai nati del 1952 ma solo del privato

L'argomento è stato di nuovo affrontato in una conferenza stampa dai deputati Damiano e Gnecchi:


Mercoledì 21 Dicembre 2016 ore 17:30


Messa da parte la proposta di legge 857 per la flessibilità pensionistica dai 62 anni e per i 41 anni per tutti a qualsiasi età, votato il pacchetto pensionistico in legge di stabilità compreso l’Ape con prestito ventennale, Damiano e Gnecchi offrono ora un appoggio per la piena applicazione della norma Fornero sul pensionamento delle lavoratrici nate nel 1952 che nel 2012 avessero avuto almeno 20 anni di contribuzione e per i lavoratori che avessero conseguito, sempre nel 2012, quota 96 tra età e contribuzione.

Tutto questo riguarda però solo le lavoratrici e i lavoratori del privato che oltretutto devono aver raggiunto i requisiti contributivi, secondo la interpretazione Inps, con periodi di effettiva prestazione lavorativa escludendo altre contribuzioni volontarie provenienti da riscatto laurea, periodi di maternità al di fuori del rapporto di lavoro o addirittura il riconoscimento del periodo di servizio militare obbligatorio (come se non fosse stato a tutti gli effetti un lavoro gratuito prestato allo Stato).

Durante la conferenza stampa i deputati Damiano e Gnecchi hanno tenuto a ribadire il fatto che la possibilità prevista dal Salva Italia del 2011 dovrebbe avere una piena applicazione e perciò la Circolare Inps 196/2016 dovrà essere corretta per il riconoscimento pieno della contribuzione conseguita da lavoratori e lavoratrici sia per effettiva prestazione di lavoro ed anche per contribuzione volontaria.

In tutto questo va perciò sottolineato l’aspetto per così dire positivo della deroga Fornero che permette ad una certa platea  di lavoratori e lavoratrici di andare in pensione anticipando di due anni il requisito previsto per l'accesso alla pensione di vecchiaia ma questa deroga è destinata solo ai dipendenti del privato e non ai dipendenti pubblici (tra cui quelli della scuola)  e agli autonomi.

Nessun commento: